sabato 6 e domenica 7 luglio

Testa del Rutor 3486 mt.

(Valle d’Aosta)


La Testa del Rutor con i suoi 3486 mt è la vetta più elevata dell’omonimo gruppo, situata completamente in territorio valdostano. Dalla cima è possibile ammirare il gruppo del Monte Bianco, il Grand Combin, il Cervino, il gruppo del Monte Rosa, la Grivola e il Gran Paradiso.
Il sabato partiremo da la Joux destinazione rifugio Deffeyes (2494 mt). La salita già dal primo giorno si mostra impegnativa, ma allietata dalle bellissime ed imponenti cascate del Rutor (le più belle di tutta la Valle d’Aosta). Salendo approderemo alla conca dell’Alpe Glacier, antico circo glaciale, da dove inizierà la parte più ripida del sentiero che ci permetterà di raggiungere il rifugio, nel quale pernotteremo.
La domenica partiremo prima dell’alba, grazie alla luce delle frontali ci dirigeremo verso la morena, a tratti esposta. Raggiunto il suo culmine dovremo superare due tratti attrezzati con catene. Raggiungeremo così la parte alta del ghiacciaio (2950 mt), qui, una volta legati in cordata,  faremo un ampio arco sotto le cime Flambeau, Doravidi, Chateu Blanc, prestando attenzione ad evenutali crepacci. Arrivati al Colle del Rutor (3373 mt) attaccheremo la cresta sommitale, a tratti esposta, che ci permetterà di arrivare alla madonnina posta sulla cima. Dopo le foto d’obbligo e la possibilità di rifiatare, faremo ritorno sulla via di salita fino al parcheggio di La Joux.

NOTA BENE: Salita lunga e fisicamente impegnativa che presenta grandi dislivelli e si svolge in ambiente di alta montagna; per questo motivo il capogita si riserva di effettuare una selezione tramite colloquio prima di confermare l’iscrizione all’uscita.

Attrezzatura: Abbigliamento per alta montagna e adeguato al periodo, ghette, scarponi ramponabili e scarpe da avvicinamento, crema solare, sacco lenzuolo, bastoncini, longe con moschettone a ghiera, imbrago, casco, torcia frontale, zaino 33-37 lt, ramponi, piccozza, set piastrina, 2 moschettoni a ghiera, cordini in Kevlar per nodo Machard.

 Requisiti: Partecipazione ad un corso di alpinismo, ottimo allenamento all’attività aerobica (350 mt di dislivello/ora in salita), assenza di vertigini, piede fermo e abitudine a camminare su terreni impervi.


Direttore escursione: Mattia Gigli – 3669849551
Difficoltà: Alpinistica (F)
Dislivello: sabato + 900 mt. Domenica + 1100 mt / – 2000 mt
Tempo di percorrenza: Sabato 4 ore. Domenica 12 ore.
Pranzo: Al sacco
Partecipanti: 9
Pernotto: Rifugio Deffeyes in regime mezza pensione al costo di € 47
Ritrovo: sede CAI ore 5:45 – partenza 6:00
Termine iscrizioni: 14 giugno segreteriacaimodena@gmail.com – modena@cai.it
Quota partecipazione gita: € 15 + 20 euro caparra per rifugio
Mezzo di trasporto: Auto proprie (Costi di viaggio divisi tra i partecipanti)
Scarica la scheda

Total Page Visits: 662 - Today Page Visits: 1
Posted in Alpinismo, CAI Modena, Gite, Gite Alpinismo.