giovedì 16 luglio 2020

Via delle Creste – Cima Carega

(Sentiero 108)


Over 50 – Bellissimo ed impegnativo itinerario che permette di raggiungere Cima Carega percorrendo il crinale della Costa Media. Il sentiero è conosciuto come “Via delle Creste”. Si patirà dal Rifugio Revolto, m 1.336 e seguendo la strada militare, raggiungeremo il Rifugio Passo Pertica, m 1.530, si proseguirà fino al secondo tornante quota a m 1.580, dove si stacca sulla sinistra il sentiero n° 108, una ripida e tortuosa traccia che è utilizzata anche come via di ritorno della via ferrata alpinistica 181 Giancarlo Biasin. Per chi vorrà evitare di fare questo impegnativo sentiero, potrà proseguire per la comoda strada militare sino a raggiungere il Rifugio Fraccaroli.
Il sentiero risale il fianco meridionale della Costa Media tra ghiaioni e mughi a più riprese portandoci a m 2.100 in circa due ore. Durante la salita si superano i ruderi di una antica cava di marmo e si ha come esclusivo punto di riferimento il Monte Plische m 1.880 che si vedrà dall’alto verso il basso. All’arrivo nel crinale della Costa Media si incontra il sentiero proveniente dal sentiero attrezzato 193 “Angelo Pojesi”. L’itinerario prosegue sul crinale mantenendosi in quota, superando diverse creste. La Costa Media è una roccaforte che si sviluppa direttamente da Cima Carega in direzione Nord-Est Sud-Ovest, che delimita la Conca di Malga Posta.
A Settentrione e il Vallone di Campobrun – Lagosecco, per terminare nella Cengia di Pertica e nella Valle di Ronchi, che delimita i confini dell’area protetta di Campobrun. Due delle cime sono state soprannominate: Cima Tibet m 2.098 ornata da alcune bandierine tibetane, come segno di solidarietà per i fatti avvenuti in Tibet, all’atto della occupazione cinese e Cima Madonnina m 2.140.
L’itinerario continua solcando il crinale e le altre vette sino a giungere al Rifugio Fraccaroli a m 2.238, dove sosteremo per rifocillarci, poi l’ultimi metri di salita sino a giungere a Cima Carega, m 2.259. Al ritorno si prenderà il sentiero n° 108b, che ci riporterà al Rifugio Revolto.
Durante il percorso, specie alle prime ore del mattino, si possono fare incontri con camosci e marmotte, o vederli nella sottostante conca di Malga Posta, Rifugio Scalorbi. Durante l’escursione è importante seguire il sentiero, alcuni tratti al di fuori del percorso segnalato sono particolarmente esposti.

Importante: Nel momento in cui riprendono escursioni, è fondamentale; accentuata prudenza e senso responsabilità, nel rispetto delle disposizioni del D.P.C.M. 26 aprile 2020 e del C.A.I. Nazionale, pertanto:
Tutti i partecipanti all’escursione dovranno essere provvisti di mascherina.
Lungo il percorso dell’escursione si dovrà mantenere una distanza, tra gli escursionisti, di almeno tre metri.


Direttore escursione: Aurelio Piazzi
Difficoltà: EE
Dislivello: +/- m 923.
Tempi di percorrenza: ore 6 – 7 compreso soste.
Iscrizioni: entro martedì 14 luglio 2020 – obbligatoriamente presso la Segreteria CAI Modena
Ritrovo: alle ore 7,15 presso la sede sociale CAI di Modena, con partenza alle ore 7,30.
Trasporto: Auto proprie

Scarica la scheda

Note_operative_partecipanti
Modulo autocertificazione

Total Page Visits: 889 - Today Page Visits: 3
Posted in CAI Modena, Escursionismo, Gite, Gite Over 50.