venerdì 21 – sabato 22 – domenica 23 Ottobre 2022

Parco Naturale Alpe Veglia Alpe Devero

ESCURSIONE DEGLI OPERATORI NATURALISTICI E CULTURALI


Descrizione flash degli itinerari proposti
21/10 Siamo nei dintorni di Devero e possiamo costruirci la nostra gita. Percorriamo i boschi e i pascoli che si stendono ai piedi della dirupata parete sud del Pizzo Stange, una gigantesca preistorica frana è stata coperta da grossi larici, i resti di una cava di calce con la rotonda del forno testimoniano i lavori del bacino idroelettrico. Lago delle streghe o lago Azzurro? Poco importa, il lago è un gioiello del mondo alpino! Poi ci sono le torbiere e la loro flora speciale, i lariceti radi e luminosi con sottobosco di mirtillo e rododendri. Crampiolo? Vi lascio la sorpresa! Codelago era un bacino naturale fino al 1910 quando una diga lo trasformò in un grande bacino idroelettrico che caratteristici isolotti fanno apparire ancora più grande; l’ambiente ha un fascino nordico! Saliamo al vasto pascolo pianeggiante di Corte Corbernas con le casere abbandonate poi all’alpe Sangiatto con le baite e le stalle su un dosso, nei pressi di altri laghetti, su comodo sentiero scendiamo al rifugio.
Devero 1631 m, Alpe Campello 1718 m, Lago Azzurro (Streghe), Crampiolo 1767 m, Corte Corbenas 2026 m, Laghi di Sangiatto 2010 m, Canton 1640 m. Tempo 4-4.30 ore. Dsl +/-550 m. Sviluppo 8 km.


22/10 Una delle escursioni più belle su questi monti, una grande gita in un ambiente stupendo sui 2000 m: praterie alpine, pascoli alti, alpeggi abbandonati e altri caricati, laghetti nivali, segni di marmotte già in letargo, fra i larici e nel fitto sottobosco numerosi cervi e caprioli e tutto intorno le grandi montagne con la loro tormentata storia geologica. E’ in questi alpeggi che si produce il Bettelmat, formaggio che conserva il profumo delle pregiate erbe d’alta montagna fra cui la mottolina!
Canton 1640 m, Crampiolo 1767 m, Alpe Codelago 1873 m, Lago di Pianboglio 1983 m, Alpe Forno 2220 m, Alpe della Valle 2083 m, Corte d’Ardui 1765 m, Canton. Tempo 6 ore. Dsl +/-700 m. Sviluppo 13,5 km


23/10 Si va in Val Buscagna, un altro aperto, solitario ambiente: il silenzio dei grandi spazi, le vaste praterie alpine, i picchi rocciosi, gli importanti segni del potente glacialismo passato, un torrente pigro e particolarmente sinuoso che la percorre e i pascoli che sono sempre stati una grande ricchezza. Il lago Nero dalle acque limpide e scure in cui si specchiano le guglie del Cornera e dove vivono felici rane e tritoni merita una deviazione. Mi piace terminare questa descrizione con l’habitat i Lariceti, in questa stagione al massimo della loro visibilità, uno dei più rilevanti e rappresentativi della regione con esemplari vetusti (fino a 700 anni) e del diametro di 1/1,7 m classificati come monumentali.
Canton 1640 m, Alpe Misanco 1907 m, Lago Nero 1974 m, Alpe di Rio Buscagna 2296 m, Pedemonte/Devero 1631 m. Tempo 4,30. Dsl +/-700 m. Sviluppo 5 km.


Direttore Escursione: ONC Loretta Ferraguti
Difficoltà: Escursionistica
Equipaggiamento:
da escursionismo autunnale (quota minima 1600 m – massima 2.300 m), zaino, scarponcini, calzettoni, giacca a vento con cappuccio, guanti e berretto in pile, mantella, bastoncini.
Rifugio:
sacco lenzuolo o sacco pelo, ricambio abbigliamento e intimo, toletta personale, asciugamano, ciabatte. Si può effettuare la doccia calda a pagamento.
Pranzi:
al sacco e bevande. E’ possibile acquistare pane e prodotti freschi in località Baceno durante il viaggio di andata.
Mezza pensione:
presso Rifugio CAI Ettore Castiglioni – Devero. Quota soci 43 € (portare la tessera).
Termine iscrizione:
venerdì 07 ottobre. Quota di partecipazione: 30 € per organizzazione.
Ritrovo:
ore 5.30, partenza ore 5.40, parcheggio sede CAI Modena- via Padre Candido
Mezzo di trasporto:
auto proprie

Scarica la scheda

Scarica le informazioni

Total Page Visits: 377 - Today Page Visits: 3
Posted in CAI Modena, Commissione Culturale, Escursionismo, Gite Escursionismo.